info@bioelectronicsitalia.com

PIÙ VITA NEWS

Ultime notizie e curiosità su salute, medicina alternativa, sanità, terapia del dolore
Ernia cervicale: sintomi, cause, terapie

Ernia cervicale: i sintomi, la diagnosi, le terapie

Mal di testa, vertigini, intorpidimento e formicolii agli arti superiori, dolori e difficoltà di movimento al collo: manifestazioni che non devono essere sottovalutate, specie se compaiono insieme. Potrebbe trattarsi dei primi sintomi dell’ernia cervicale, una condizione patologica che se trascurata può compromettere in modo grave la mobilità del corpo.

Ernia cervicale: che cos’è?

L’ernia cervicale discale è una patologia causata dallo schiacciamento dei dischi vertebrali situati nella zona del collo. È una malattia piuttosto diffusa, che si manifesta con più frequenza a partire dai quarant’anni di età, anche se non mancano casi in pazienti più giovani.

dischi intervertebrali operano come dei “cuscinetti” presenti tra le vertebre per ridurre gli attriti ossei e attutire i traumi. Può succedere che, per l’effetto naturale della gravità e dell’età, per l’adozione di posture sbagliate o per traumi improvvisi e violenti, le vertebre si avvicinino troppo tra loro o arrivino addirittura a schiacciarsi. In questo caso il disco subisce una compressione innaturale che causa la fuoriuscita dalla propria sede interna del nucleo polposo, che va così a occupare uno spazio non suo, comprimendo le strutture midollari e nervose presenti all’interno della colonna.

Nel caso dell’ernia cervicale, l’area che riguarda il prolasso discale è compresa in una delle prime sette vertebre.




Scarica La terapia del dolore in Italia




Ernia cervicale: sintomi, cause, diagnosi

Tra i possibili motivi alla base della insorgenza di un’ernia cervicale si annoverano traumi – ad esempio un colpo di frusta – sforzi eccessivi e prolungati, posture errate mantenute a lungo, tensioni muscolari a livello delle spalle ma anche – o soprattutto – predisposizione individuale dovuta a fattori genetici. I sintomi più comuni dell’ernia cervicale comprendono dolori che dal collo s’irradiano alle braccia fino a interessare le dita delle mani (cervicobrachialgia), perdita di forza negli arti superiori, cefalea persistente, vertigini, rigidità della muscolatura delle spalle. Tali disturbi sono causati dalla compressione del midollo spinale ad opera della porzione di disco che fuoriesce dalla sede naturale. Formicolii e problemi di mobilità, in questo caso, possono estendersi agli arti inferiori e provocare sciatalgia o mielopatia. Altri sintomi specifici dell’ernia cervicale, di natura non dolorosa ma altrettanto meritevoli di indagini, possono comportare nausea e conati di vomito, spesso conseguenze dirette della cefalea e delle vertigini, oltre a difficoltà nei movimenti del collo e nella rotazione della testa.

Trascurare i sintomi dell’ernia cervicale è un errore da evitare. Si tratta di una patologia che può evolvere nel tempo e causare un peggioramento generale delle condizioni del paziente, fino a coinvolgere anche la deambulazione. Quando si riscontrano manifestazioni sintomatologiche simili a quelle appena descritte è opportuno rivolgersi con urgenza a uno specialista, ortopedico o fisiatra, che potrà porre una diagnosi e stabilire un percorso terapeutico adeguato.

Oltre alla visita, spesso già sufficiente a porre una diagnosi di massima, vengono richiesti di solito esami strumentali come risonanza magnetica, radiografie del rachide cervicale ed elettromiografia. I risultati sono fondamentali per stabilire la posizione e la gravità dell’ernia. In base a questi fattori, è possibile impostare la terapia più indicata.

I sintomi dell’ernia cervicale possono essere risolti mediante terapie farmacologiche, fisioterapiche o chirurgiche. Quando l’ernia cervicale viene diagnosticata in una fase iniziale, con i sintomi ancora lievi, possono essere eseguiti con successo alcuni trattamenti non chirurgici. In alcuni casi, poi, un’ernia tende a risolversi autonomamente: il nucleo polposo fuoriuscito dai dischi può riassorbirsi e ritornare nella propria sede.

Nel paziente con ernia cervicale avanzata, i sintomi dolorosi vanno trattati con un’adeguata applicazione della terapia del dolore. Le soluzioni maggiormente utilizzate permettono di alleviare l’infiammazione, mediante farmaci antinfiammatori, antidolorifici o cortisonici.

Ernia cervicale: le terapieErnia cervicale: sintomi e terapia

È fondamentale che il piano terapeutico sia disposto da un medico esperto. No al fai da te: una terapia effettuata in autonomia condurrebbe senz’altro a un peggioramento della situazione, che diventerebbe più difficile da risolvere. In alcuni casi meno gravi di ernia cervicale sintomi non invalidanti possono essere contenuti mediante agopuntura, ionoforesi, ultrasuoni, laserterapia, uso di apparecchiature per la elettrostimolazione. Si dimostrano efficaci sessioni di fisioterapia, chinesiterapia, massaggi e riabilitazioni con metodo Mézières.

Nell’ernia cervicale sintomi gravi e non risolvibili con trattamenti conservativi conducono necessariamente all’operazione chirurgica, che può essere eseguita con diverse metodologie. Le moderne tecniche microchirurgiche sono le preferite dagli specialisti, perché consentono interventi poco invasivi, tramite l’utilizzo di microscopi operatori. Il tipo d’intervento è sempre valutato in base alla situazione del paziente. In genere, si esegue la rimozione del disco erniato, che viene sostituito con una protesi discale mobile o con le cossiddette “cage” (gabbiette in materiali biocompatibili).

Infine nel paziente con ernia cervicale sintomi dolorosi possono essere alleviati mediante esercizi fisici eseguiti con regolarità. Movimenti che rafforzano i muscoli della schiena e il mantenimento di corrette posture sono efficaci anche come prevenzione. È importante non sovraccaricare la colonna cervicale durante la ginnastica ed è raccomandato seguire un piano di allenamento predisposto da un fisioterapista.

In questo interessante video vediamo alcuni esercizi facili da eseguire, presentati dal fisioterapista Antonio Sacchero, utili per ridurre il dolore derivante dall’ernia cervicale e migliorare il quadro clinico generale.




Scarica La terapia del dolore in Italia




Lascia un commento